WEB

Vaccini, quali informazioni cercano gli utenti in rete secondo Semrush

Vaccini, quali informazioni cercano gli utenti in rete secondo Semrush | Zairabartucca.it

Secondo uno studio di Semrush, piattaforma di Saas per la gestione della visibilità online che ha analizzato le ricerche fatte in rete dagli utenti in Italia, da settembre 2020 ad oggi sono cresciute esponenzialmente le digitazioni sui vari motori di ricerca correlate al topic dei vaccini. Ad esempio – riferisce un comunicato stampa – le ricerche per l’item “vaccino Astrazeneca” sono cresciute di oltre l’86.300% negli ultimi 6 mesi, con una media di quasi 16 mila digitazioni mensili. Questo perché la casa farmaceutica si è trovata al centro di spiacevoli fatti di cronaca, come decessi di persone che si erano sottoposte a vaccino o casi di trombosi.

Migliaia di utenti che hanno voluto approfondire l’argomento, andando a cercare online articoli che riportassero studi scientifici (leggi l’articolo di Zaira Bartucca “Vaccinati e non vaccinati, studio svela le diffenze tra chi fa il vaccino e chi no”) e pareri di medici e virologi. La questione degli effetti collaterali causati dai vaccini anticovid resta, comunque, tra quelle che destano maggior interesse tra gli utenti. Le ricerche correlate all’item “effetti collaterali vaccino Pfizer” sono state quasi 13.200 al mese, più di quelle relative ad Astrazeneca, quasi 12.600 al mese, e più del doppio di quelle per Moderna, “appena” 4.700 al mese.

Altro tema caldo sul web è legato all’arrivo del vaccino Johnson & Johnson, che al momento sembra aver subito una battuta d’arresto all’indomani del suo lancio. A febbraio il numero di utenti che chiedeva al web quando sarebbe arrivato questo vaccino è aumentato del 251% circa, passando dalle 2.110 digitazioni di gennaio a 7.400 in un mese. In particolare, secondo Sem Rush la popolazione sembra essere interessata al suo funzionamento e al fatto che avrebbe dovuto essere il solo vaccino efficace in un’unica dose. Le ricerche sul suo funzionamento, infatti, solo nel mese di febbraio sono state 11.600, il 455% in più rispetto a gennaio. Crescono anche le interrogazioni circa la sua efficacia, a +252% rispetto a gennaio 2021.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *